Chi è il miglior meccatronico d’automobili?

Metà ottobre: il momento in cui scoccherà l'ora X per Riet Bulfoni. Ai WorldSkills di Abu Dhabi intende mettere alla prova le proprie capacità e conquistare per la Svizzera il titolo di campione del mondo nella categoria «meccatronico d'automobili».

Riet Bulfoni ha concluso il tirocinio di meccatronico d’automobili due anni fa. Ancora oggi lavora nella sua azienda di tirocinio, il Central Garage Denoth AG di Scuol, specializzato in Volkswagen e ŠKODA. Nel 2016 è stato vicecampione svizzero e in seguito ha vinto la EuroCup, qualificandosi così per i mondiali. Per prepararsi ai WorldSkills, Riet ha visitato il centro di formazione di AMAG a Dübendorf. Il suo compito: scomporre una trasmissione e riassemblarla correttamente nel minor tempo possibile.
Abbiamo incontrato Riet a Dübendorf per parlare del suo sogno di diventare campione del mondo.

Riet, congratulazioni per la qualifica ai WorldSkills! Cosa ti aspetti da Abu Dhabi?
Sono felicissimo di affrontare questa sfida. Spero anche di riuscire a vedere alcune automobili spettacolari sulle strade. Da come viene presentata Abu Dhabi in televisione, difficilmente rimarrò deluso.

Oggi ti stai preparando nel centro di formazione di AMAG. Qual è l’obiettivo dell’esercizio?
Devo scomporre in ogni sua parte una trasmissione Volkswagen e riassemblarla nuovamente. Ogni marca ha le proprie caratteristiche, anche Volkswagen. Il cambio Volkswagen è complesso, ecco perché ho optato per questo esercizio. Cerco di allenarmi sul maggior numero possibile di modelli, non sappiamo infatti ancora cosa ci aspetta durante la competizione. Fondamentalmente, non è nemmeno importante. In fin dei conti una trasmissione rimane pur sempre una trasmissione.

Quali altri compiti ti aspettano?
Non conosco ancora i dettagli. A metà settembre sapremo su quali veicoli si svolgerà la prova. Per ora sappiamo solo che vi saranno otto postazioni. Per quanto riguarda il cambio è relativamente chiaro che lo dovremo scomporre, misurare e assemblare nuovamente. Un altro compito prevederà sicuramente l’individuazione e la riparazione di un errore su un veicolo. Non si sa però niente di preciso.

Come riesci a conciliare il tuo lavoro con la preparazione per i WorldSkills? Oggi sei ad esempio qui a Dübendorf invece di essere in officina.
Per fortuna il mio capo è molto comprensivo e mi concede il tempo necessario. Godo del suo pieno sostegno e di questo gli sono molto grato. Inoltre, al momento sul lavoro ricevo solo i casi più complicati. Questo mi permette di prepararmi per Abu Dhabi anche durante il lavoro quotidiano e di ottimizzare i processi di lavoro.

Cosa pensi di fare dopo i campionati del mondo?
Al momento sto seguendo la formazione di meccanico diagnostico d’automobile. Il mio sogno nel cassetto è poter lavorare, un giorno, per una scuderia di Formula 1. Tuttavia per realizzare questa aspirazione occorre avere anche un pizzico di fortuna e buoni contatti.

In bocca al lupo per i WorldSkills di ottobre! Chi lo sa, forse è proprio il luogo ideale per allacciare i contatti che ti porteranno in Formula 1.

In merito ai WorldSkills
Durante i WoldSkills le migliori giovani leve del mondo si mettono alla prova nel proprio campo professionale. Tutti i partecipanti hanno meno di 23 anni. I WorldSkills mirano a sottolineare l’importanza della formazione professionale e a favorire lo scambio internazionale tra autorità, industria e formazione.
Maggiori informazioni sui WorldSkills

Maggiori informazioni sulla posto d’apprendista e pratica.

Inserisci il tuo commento

Lascia una risposta

0 commenti

Post simili