In occasione della Breakout Session di quest’anno al Swiss Economic Forum del 3 settembre 2020, l’attenzione si è concentrata sugli attacchi informatici. Anche AMAG – insieme a molte altre aziende – è stata presa di mira quest’anno. Al momento è stato possibile neutralizzare in tempo gli aggressori grazie alle informazioni di MELANI, il centro di notifica e analisi della Confederazione. Nessun dato è stato rubato e nessun sistema violato.

Come introduzione, Florian Schütz, delegato federale per la sicurezza informatica e capo del Centro nazionale per la cibersicurezza (NCSC), ha fornito una panoramica dell’intero spettro delle minacce.

Nella sua successiva presentazione, Thomas Sauer, CIO/CDO del Gruppo AMAG, ha spiegato come AMAG ha vissuto l’attacco informatico, quali effetti ha avuto l’attacco sui processi e come è stato contrastato.

Nella successiva discussione moderata da Dino Graf, responsabile Group Communication di AMAG, i due relatori hanno affrontato temi di più ampia portata come ad esempio quale sia il punto debole principale, il sistema o l’essere umano. E se le aziende prima o poi potranno davvero essere sicure o cosa stia facendo il governo federale per combattere la criminalità informatica. 

 

 

 

Non ci sono ancora commenti.