Caro dr. AMAG,

viaggio molto in macchina per lavoro. Fortunatamente, la mia auto aziendale è dotata di tutti i tipi di assistenti alla guida, in modo da potermi sedere lì un po’ più rilassato mentre guido. Recentemente, tuttavia, mi sono chiesto come funziona esattamente la regolazione automatica della distanza. Qual è il motivo per cui non posso attivarla parzialmente?

Gentile lettore,

soprattutto chi viaggia molto in auto non può più farne a meno: la regolazione automatica della distanza rende la guida molto più piacevole, soprattutto sui lunghi tratti autostradali. Non appena il cruise control è impostato, il conducente può scegliere tra diversi livelli di distanza che l’auto deve mantenere dal veicolo che la precede. Da quel momento in poi l’auto frena e accelera automaticamente. Il guidatore è comunque ancora in grado di accelerare ulteriormente con il pedale dell’acceleratore. Premendo il pedale del freno, invece, si disattiva immediatamente la funzione.

La regolazione automatica della distanza, chiamata ACC (Adaptive Cruise Control), è un’estensione del sistema di cruise control. Utilizzando un sensore di distanza, misura costantemente la distanza e la velocità relativa dei veicoli che si trovano davanti. Questo sensore di distanza è un radar e di solito si trova nella parte anteriore dell’auto vicino alla griglia del radiatore o al logo della marca.

Se non è possibile attivare la regolazione automatica della distanza, è quasi certamente a causa di circostanze esterne: infatti, per quanto questa tecnologia sia intelligente, nemmeno lei può superare i limiti fisici. Ciò significa che in condizioni di scarsa visibilità su strade ripide e tortuose o in presenza di neve, ghiaccio, pioggia battente o addirittura di brecciolino, potrebbe non essere possibile attivare la regolazione automatica della distanza.

In ogni caso, il conducente non può assolutamente sedersi e rilassarsi, ma si assume la piena responsabilità del veicolo anche quando l’ACC è attivato. Il sistema di regolazione della distanza, infatti, non rileva alcun oggetto fermo durante la guida e quindi neppure i veicoli in coda o in panne. Quindi, anche quando si utilizza la regolazione automatica della distanza, è necessario guidare con la stessa attenzione come quando non è in funzione. Le auto non guidano ancora in modo completamente autonomo.

Buon viaggio!


Altri articoli del blog sull’argomento:

Dott. AMAG: Quali sono le nuove regole del traffico?

Dott. AMAG: Come funziona il sistema di avviso in caso di cintura non allacciata?

Dott. AMAG: Il motore si surriscalda… e ora?

Dott. AMAG: Come funziona il sistema di rilevamento della stanchezza alla guida?

Dott. AMAG: Quali misure di precauzione è bene adottare per il transporto di animali domestici in auto?

Dott. AMAG: In che modo un veicolo misura la temperatura esterna?

Dott. AMAG: Come faccio a controllare la pressione degli pneumatici?

Dott. AMAG: Come faccio a rabbocare lolio motore?

Dott. AMAG: Le auto elettriche non possono essere utilizzate in inverno?

Dott. AMAG: Quando devo accendere i fari fendinebbia?

Il dott. AMAG

Sul blog di AMAG, il «dott. AMAG» risponde alle domande riguardanti l’automobile. Domande quali, ad esempio, come trattare i rivestimenti dei sedili, il trasporto di animali domestici e anche come comportarsi in caso di panne.

Hai una domanda per il dott. AMAG? Inviala a: social.media@amag.ch

Non ci sono ancora commenti.