Roger, sei il Key Account Manager Vetture d’ordinanza di AMAG Import AG. Che cosa significa questo esattamente?

Sono il referente per tutte le questioni che hanno a che fare con le cosiddette «mansioni legate ai veicoli di pronto intervento». Queste comprendono, tra altre cose, rispondere a gare d’appalto, creare offerte per veicoli e, non da ultimo, offrire consulenze ai clienti. Inoltre coordino i giri di prova con i clienti dei veicoli di pronto intervento e i nostri veicoli dimostrativi, nonché fornisco consulenza, addestro e istruisco i concessionari dell’organizzazione di AMAG nella gestione dei «clienti a luce blu». Infine dò anche una mano nella gestione, in quanto nella gran parte dei casi questi veicoli di pronto intervento richiedono allestimenti molto dispendiosi e specifici per il cliente.

Cosa s’intende con l’espressione «veicoli a luce blu», e chi sono i loro clienti?

I veicoli a luce blu sono per definizione i veicoli di pronto intervento di polizia e vigili del fuoco e le ambulanze.

Roger Beglinger, Key Account Vetture d’ordinanza presso AMAG Import AG

La maggior parte della nostra clientela, circa l’85%, è costituita dalla polizia con i suoi veicoli d’intervento. Questi comprendono anche i veicoli della polizia in incognito, vale a dire non riconoscibili, utilizzati per missioni speciali. I vigili del fuoco, principalmente i veicoli di comando, e i veicoli di ambulanze e di emergenza, formano all’incirca il restante 15% del nostro volume annuale di veicoli a luce blu.

Cosa occorre per questo impegnativo profilo professionale e come sei arrivato a ricoprire questo ruolo?

Avendo una formazione come meccanico la tecnologia e le auto mi interessano da sempre, e la competenza tecnica è uno dei requisiti per svolgere questo lavoro. Un altro è un’esperienza pluriennale con clienti aziendali e grandi clienti e nel contatto diretto con i clienti. Da me i clienti ricevono tutto, per così dire, «da un unico fornitore», cosa che è molto apprezzata. Inoltre ho più di vent’anni di esperienza con la polizia, visto che come secondo impiego conduco corsi di formazione per la sicurezza al volante delle forze di polizia.

Quali marchi e modelli offre AMAG come veicoli a luce blu?

In linea di massima, tutti i veicoli con trazione 4×4, cambio automatico e carico utile elevato sono adatti allo scopo e ne abbiamo alcuni nella nostra offerta. Ad oggi vengono ancora preferiti i veicoli diesel rispetto a quelli a benzina, ibridi o anche elettrici. Il motivo è principalmente il consumo più ridotto di carburante nei veicoli pesanti con motore diesel; infatti, nella maggior parte dei casi i veicoli di pronto intervento trasportano grandi quantità di materiale pesante della polizia, il che aumenta nettamente il peso del veicolo. Peraltro, il Transporter VW T6.1 e i due SUV ŠKODA KODIAQ e KAROQ costituiscono il 40% di tutti i veicoli a luce blu venduti ogni anno in Svizzera.

Che tipo di equipaggiamenti vengono installati su un veicolo a luce blu?

L’ambito dipende sempre dallo scopo a cui il veicolo è destinato e può variare notevolmente. Di solito nei veicoli della polizia si tratta di barra luminosa a luce blu, sirena, lampeggiante frontale, matrice con la scritta luccicante davanti e dietro (per esempio “Stop Polizia”), ricetrasmittente Polycom, sistemi di fissaggio per iPad, registratori di dati relativi a incidenti, cassetto delle armi ed equipaggiamento individuale per la parte posteriore. Sempre più spesso, al posto degli iPad sui veicoli vengono utilizzati gli schermi grandi con i dati di navigazione del veicolo mediante interfacce appositamente sviluppate.

E quali obblighi sono previsti per la trasformazione in un veicolo a luce blu?

Tutte le apparecchiature tecniche devono essere verificate in fase di collaudo dal rispettivo allestitore (officine specializzate). Una volta effettuato il collaudo, l’uso previsto viene annotato nella licenza di circolazione.

Il tema elettromobilità è sulla bocca di tutti: le motorizzazioni elettriche vengono impiegate dalle autorità anche come veicoli a luce blu?

Sì, e la tendenza è in forte crescita. Da un lato lo esige la politica con le disposizioni in materia di CO2, dall’altro le autorità sono aperte a sistemi di propulsione innovativi e vogliono dare il buon esempio. Cantoni, città ma anche regioni puntano sempre di più sui veicoli elettrici. Finora la scelta di veicoli adatti non era molto ampia, ma ora sta aumentando vertiginosamente. Solo per citare un esempio: l’Audi e-tron completamente elettrica convince sempre più «clienti a luce blu» grazie alla trazione integrale, l’elevato carico utile (più di 530 kg), i tempi di ricarica brevi e la grande autonomia (e-tron 55 fino a 436 km secondo WLTP).

La polizia cantonale di Zurigo è partita con la prima Audi e-tron a febbraio del 2020, a febbraio di quest’anno la polizia comunale di Zurigo ha reso operative le prime tre Audi e-tron e altre quattro vetture seguiranno a luglio 2021. Nelle prossime settimane e nei prossimi mesi anche altri cantoni, città e corpi di polizia regionale in tutta la Svizzera riceveranno da noi i loro veicoli elettrici (Audi e-tron).

In linea generale i veicoli elettrici si prestano molto bene a essere utilizzati come veicoli di pronto intervento poiché soddisfano sempre meglio i requisiti attualmente in vigore e di norma sono provvisti di una postazione fissa con colonna di ricarica. Inoltre vengono utilizzati esclusivamente per gli spostamenti di servizio. Altri nuovi modelli elettrici dei marchi AMAG andranno presto a ingrossare le fila dei veicoli di pronto intervento e saranno messi a disposizione dei «clienti a luce blu».

Un’ultima domanda, Roger: il suono ta-tu-ta-ta indica quali veicoli, solo quelli della polizia?

Si tratta del segnale di avviso prescritto per legge in Svizzera e viene utilizzato sia per la polizia e i vigili del fuoco, sia per le ambulanze, anche se con tonalità diverse. Perciò, quella che in tedesco viene chiamata «Martin-Horn» (o «sirena di Martin») è anche detta «sirena diesis-bemolle» (per chi a scuola è stato attento alle lezioni di musica: una quarta) o «sirena a suono alternato». Tra l’altro, la legge prescrive anche che la luce blu si può accendere senza attivare la sirena, ma non viceversa. – A cosa deve il suo nome la «sirena di Martin»? Questa è un’altra storia

 

Altri articoli

Come comportarsi in caso incidente d’auto? 1° parte

Come comportarsi in caso di incidente? 2a parte

Non lasciatevi distrarre!

Più sicurezza per i bambini nel traffico stradale

Come funziona il sistema di avviso in caso di cintura non allacciata?

È solo un colpo di frusta… o no?

Come mantenersi in forma al volante?

Attenzione alla routine! Quando la routine può diventare la causa di incidenti

Non ci sono ancora commenti.