Che significa? Cominciamo dall’inizio. Fabian si è unito all’AMAG Innovation & Venture LAB nel 2018. Due anni prima, dopo aver completato il suo bachelor, ha iniziato come tirocinante nel Group Marketing. Ora sta per completare il suo Master alla ZHAW nel giugno 2021 e lavora al 70% nel team Innovazione LAB per il business development e per lo scouting.

Fabian, puoi spiegarci come si deve intendere questo? Tolleranza alla frustrazione?

Fabian Oechsli

Beh, siamo costantemente alla ricerca di argomenti che potrebbero far nascere idee di business interessanti per AMAG. E diamo un’occhiata più da vicino alle idee promettenti e cerchiamo di svilupparle in un business. Il nostro approccio è quello di arrivare a un Minimal Viable Product (MVP) attraverso il test iterativo di vari prototipi. Questo è di solito un prodotto che si concentra sulle funzionalità più importanti per un segmento specifico di clienti e può essere lanciato sul mercato il più rapidamente possibile. Questo ci permette di raccogliere rapidamente un feedback reale in modo da poter poi migliorare continuamente il prodotto.

E cosa c’è di frustrante in questo?

Beh, naturalmente, poche idee arrivano a questo stadio. Molte idee «muoiono» lungo la strada perché ci si rende conto, ad esempio, che non ce n’è bisogno, che non è tecnicamente o logisticamente fattibile, o che semplicemente non ha senso dal punto di vista finanziario. E se su dieci argomenti ne passa solo uno, allora non dovrebbe dispiacerti, devi conviverci. Non pensavo che io, essendo un tipo piuttosto strutturato, sarei stato in grado di affrontare questo alto livello di incertezza nell’ambiente dell’innovazione. Ma credo che ormai sia abbastanza bello.

Come si testano le idee?

Sempre direttamente con il cliente. Le idee per nuovi modelli di business spesso emergono dalla ricerca, ma se diventa davvero un nuovo campo di business, un nuovo business, può essere visto solo in uno scambio diretto con il cliente. Poi si nota rapidamente se un’idea ha un potenziale. E se sì, come un prodotto o un servizio corrispondente deve essere progettato per avere successo. Questa è anche una delle aree che personalmente mi piace di più. Si fanno delle ipotesi e poi si verificano in uno scambio con il cliente. Spesso uno schizzo è sufficiente per spiegare un’idea. Il cliente poi molto rapidamente ci fa sapere cosa pensa dell’idea e dove si dovrebbe ancora migliorare.

E com’è l’interazione con il gruppo AMAG?

La cooperazione è ovviamente molto stretta. Questo inizia con il fatto che spesso l’impulso per una nuova idea viene direttamente dalla business unit, secondo il motto: «Non potete dare un’occhiata più da vicino?» Ma la collaborazione è anche incredibilmente preziosa nello sviluppo di casi concreti di business. Prendiamo AMAG Leasing o AMAG Parking, ad esempio. C’è un immenso know-how disponibile, senza il quale lo sviluppo di un’idea in un nuovo business spesso non sarebbe possibile.

Oltre al tuo lavoro nel LAB, dovrai anche completare la tua tesi di Master. Come si deve immaginare lo studio ai tempi del coronavirus? Funziona?

Il primo semestre del programma del Master è stato abbastanza normale per me. Poi, nella primavera del 2020, sono passati alle lezioni online. Dal punto di vista dei contenuti, funziona sorprendentemente bene. Con gli esami è già più difficile, deve corrispondere tutto al regolamento, lì si devono disporre parzialmente le domande d’esame anche in modo diverso. E naturalmente si perde un po’ il contatto con i compagni di studio, il che è un gran peccato. Lo scambio tra di loro è stato molto arricchente, dato che tutti lavorano allo stesso tempo e hanno potuto quindi completare le lezioni e le discussioni durante le pause con preziosi esempi pratici. E oggi, con tutto ciò che si svolge online, quell’aspetto sociale è purtroppo ridotto all’estremo.

La tua tesi di master è sullo smart parking. Può dirci qualcosa in conclusione?

Lo smart parking comprende molte cose. Anche i sistemi di guida al parcheggio in uso oggi fanno parte, in senso stretto, di questo. O il sistema di riconoscimento delle targhe già ampiamente utilizzato in Scandinavia, sulla base del quale vengono poi fatturate le tariffe di parcheggio. Il mio lavoro riguarda principalmente la questione di ciò che il consumatore accetterà. Perché c’è il classico conflitto nella stanza: Convenience, cioè comodità, contro protezione dei dati. E naturalmente non sono solo gli interessi dei clienti a giocare un ruolo, ma anche quelli delle città e delle aziende. Perché alla fine della giornata, questo funziona solo se è un vantaggio per tutte le persone coinvolte.

Fabian, grazie mille per l’intervista e buona fortuna per il completamento dei tuoi studi.

Altri articoli su questo argomento

Non ci sono ancora commenti.