Il piccolo sportello di servizio si apre con uno scricchiolio e Fernando Coelho sfodera un sorriso cordiale. Fernando è supervisore del valet parking dell’aeroporto di Zurigo. Quando i clienti arrivano alla barriera, li accoglie salutandoli attraverso un sistema di interfono con un «Valet parking, cosa posso fare per lei»? Non appena sono entrati e hanno parcheggiato l’auto nello spazio riservato, Fernando prende in consegna le chiavi dell’auto. Scrive quindi i dati di contatto e del volo di ritorno dei clienti, in modo che tutto sia pronto al loro rientro. Quando tornano dal viaggio, Fernando consegna le chiavi della macchina. L’auto è lì pronta, che aspetta nello stesso punto. I clienti del servizio di valet parking sono principalmente uomini d’affari che si assentano per uno o due giorni. Durante l’alta stagione da aprile a ottobre, presso il valet parking vengono parcheggiate tra le 90 e le 120 auto al giorno . Quando in inverno il traffico è meno intenso, ci sono tra i 40 e i 60 veicoli. «Ogni giorno è una sorpresa», dice Fernando sorridendo, «Ci sono giorni assolutamente tranquilli e altri in cui si ricevono telefonate bizzarre e si ha un numero insolitamente elevato di clienti.» Ma è proprio questa varietà che rende il lavoro così interessante.

Fernando Coelho accoglie e assiste regolarmente i clienti del valet parking.

Servizio a turni al valet parking

Il valet parking è strutturato su tre turni: il «turno A» dura dalle 5.00 alle 14.00, il turno centrale dalle 10.00 alle 19.00 e il turno di notte dalle 14.00 alle 23.00. Di norma, ai dipendenti viene assegnato un turno del mattino per due o tre giorni, quindi un turno centrale una volta alla settimana per il cambio e un turno di notte per uno o due giorni. «Nei fine settimana di solito ci sono lavoratori temporanei, perché il flusso di clienti è meno intenso», spiega Fernando. Il team del valet parking è supportato dai cosiddetti «hiker», i conducenti. «Prelevano le auto nell’area di sosta presso di noi e le parcheggiano in uno dei nostri parcheggi o le portano a AMAG Kloten per ulteriori servizi.» È quindi importante che Fernando prepari correttamente la documentazione relativa a ogni veicolo: quale cliente desidera servizi aggiuntivi (vedi infobox), quando deve essere restituita l’auto. In base alla giornata e al lavoro, sono presenti sul posto da due a cinque di questi operatori. «Gli hiker non sono appannaggio esclusivo del valet parking. Ad esempio, portano anche a lavare le auto a noleggio di Europcar», racconta Fernando. Inoltre lavano anche le auto a noleggio e del valet parking. «È un lavoro impegnativo. La sera sei stanchissimo.» Fernando lo sa molto bene, perché ha iniziato lui stesso con questo incarico circa dodici anni fa. Quando il suo capo ha scoperto il suo talento per le lingue, gli è stata offerta l’opportunità di lavorare come impiegato di sportello presso il valet parking. «Ma ho rifiutato, perché ritenevo di non parlare abbastanza bene il tedesco.»

Le competenze linguistiche sono fonte di gioia

Circa tre anni fa ha finalmente accettato – e non se n’è mai pentito. Apprezza il contatto con i clienti e gli fa piacere poter sorprendere i clienti francofoni: «Spesso mi si rivolgono da subito in inglese, perché sono abituati a non trovare interlocutori che

Che cos’è un valet parking?

Il valet parking è un servizio di Europcar disponibile negli aeroporti di Ginevra, Basilea e Zurigo. All’arrivo in aeroporto, i clienti possono consegnare l’auto agli operatori del valet parking, che procederanno a parcheggiare il veicolo e a farlo trovare di nuovo a disposizione al rientro del cliente. È inoltre possibile prenotare diversi servizi, ad esempio un servizio a cadenza annuale, il lavaggio dell’auto o di capi di abbigliamento, oppure ordinare la spesa e farla trovare in auto.

sappiano il francese. Quando rispondo nella loro lingua, sono terribilmente contenti.» Le altre lingue che conosce, come lo spagnolo e l’italiano o la sua lingua madre, il portoghese, le usa invece meno. «Per lo più parlo tedesco o inglese con i clienti.» Trova un po’ più difficile trattare con i clienti se, al rientro, trovano un eventuale danno all’auto, causato probabilmente durante la sosta nel parcheggio. Pertanto, è molto importante effettuare una consegna ineccepibile, in cui l’auto è sottoposta a un attento controllo, e vengono registrati e, se necessario, fotografati gli eventuali danni. Poi il problema di solito si risolve molto rapidamente.

Requisiti per i dipendenti del valet parking

Secondo Fernando, chi desidera lavorare presso un valet parking deve saper parlare bene soprattutto il tedesco e l’inglese: «Il francese è un vantaggio, ovviamente», dice facendo l’occhiolino. Inoltre, deve piacere il lavoro al computer, perché questa è una parte importante dell’attività. Occorre essere una persona onesta, in grado di infondere nei clienti la sensazione positiva che il loro veicolo è in buone mani. Anche la discrezione è una caratteristica essenziale, perché molti clienti abituali sono personaggi famosi. «Ma al massimo la terza volta che li incontri, ti accorgi che sono persone «normali» e che ci si può comportare in modo del tutto rilassato», afferma con una risata stringendosi leggermente nelle spalle. Un segnale acustico annuncia l’attivazione del campanello alla barriera d’ingresso. Fernando chiede scusa e si avvicina al microfono. «Valet parking, cosa posso fare per lei?» Lo sportello di servizio si chiude con uno scricchiolio.

Altri articoli su questo argomento:

Una professione avvincente: il manager di eventi

Una professione avvincente: consulente del service

relazione sull’esperienza Valet Parking

Non ci sono ancora commenti.