Caro dr. AMAG,

è un’immagine dell’orrore: un veicolo che esplode come in un film! Ho così paura che tengo sempre d’occhio l’indicazione della temperatura del motore sul cruscotto. Fortunatamente, l’indicatore non è mai finito nella fascia rossa. Come devo comportarmi se ciò dovesse accadere e il motore si surriscalda?

Gentile cliente,

questa è una domanda molto interessante. Grazie mille! In linea di principio, il liquido di raffreddamento è responsabile del raffreddamento del motore. Questo fluido circola intorno ai componenti del motore e dissipa il calore mentre il motore è in funzione. Quando il motore è pronto a partire, questo ciclo assicura che il motore rimanga alla sua temperatura di funzionamento di 85 – 90 gradi e non si surriscaldi. Poiché si tratta di un circuito, vi sono anche varie cause che potrebbero disturbare o addirittura interrompere questo processo.

Una pompa del refrigerante difettosa, ad esempio. In questo modo si garantisce che il liquido refrigerante venga pompato nel motore e non diventi troppo caldo. Se la pompa è rotta, il calore non viene più dissipato e il motore si surriscalda.

La ventola del radiatore, che cerca di simulare il più possibile un flusso d’aria a veicolo fermo, potrebbe essere difettosa.

Inoltre, potrebbe esserci un difetto nel termostato, il cui scopo è quello di aprire il circuito di raffreddamento ad acqua non appena il motore ha raggiunto la temperatura di funzionamento di 85 gradi. Aprendo il termostato, il liquido refrigerante viene inviato in un circuito più grande dove può raffreddarsi fino a quando non torna nel motore.

È inoltre possibile che si sporchi il radiatore che copre le alette di raffreddamento. Ciò significa che il flusso d’aria non può più essere utilizzato.

Anche le martore possono causare il surriscaldamento del motore: se il tubo dell’acqua è rotto, sia per danni causati dalle martore o semplicemente perché è vecchio e fragile, il liquido refrigerante si esaurisce prima di poter adempiere ai suoi compiti.

Durante le giornate calde, gli ingorghi stradali non solo fanno sudare il conducente, ma anche il motore. Se manca il flusso d’aria che aiuta a raffreddare il motore, questo può surriscaldarsi. Di conseguenza anche la ventola del radiatore si arresterà.

È possibile vedere che il motore si sta surriscaldando, come hai giustamente detto, sul display del cruscotto. Spesso si trova sulla sinistra o vicino al display del contagiri.

Senza strumenti di ausilio, è difficile scoprire esattamente cosa causa il problema se non ci sono «sintomi» evidenti come la fuoriuscita di refrigerante. Pertanto, è sempre consigliabile parcheggiare l’auto il più presto possibile non appena arriva il messaggio di avvertimento. Se si ignora il messaggio che indica che il motore è troppo caldo, si rischia di danneggiarlo. Una volta spento, il sistema di raffreddamento può raffreddarsi: questo richiede almeno un quarto d’ora. Per aiutare il motore in ciò, è possibile aprire il cofano per consentire la fuoriuscita di aria calda. È utile anche impostare la ventola interna su «riscaldamento». In questo modo si elimina ulteriormente il calore dal motore. Se si nota che non c’è più liquido di raffreddamento, è possibile rabboccare l’acqua distillata per il tragitto fino all’ officina. Se sul momento non dovesse essere disponibile, è possibile utilizzare, se necessario, anche l’acqua di un normale rubinetto. In ogni caso dovresti chiamare Totalmobil e portare l’auto al partner del marchio più vicino a te.

Attenzione! Se il motore è troppo caldo, il sistema di raffreddamento è sottoposto a una pressione molto alta. Pertanto, attendi almeno un quarto d’ora prima di aprire il serbatoio di compensazione, altrimenti l’acqua calda potrebbe schizzarti addosso e bruciarti gravemente.

Ma posso tranquillizzarti: è molto improbabile che il veicolo prenda fuoco a causa di un motore surriscaldato. E anche se ciò dovesse accadere, non ci sarebbero sicuramente esplosioni come quelle nei film di Hollywood.


Altri articoli del blog sull’argomento:

Dott. AMAG: Come funziona il sistema di rilevamento della stanchezza alla guida?

Dott. AMAG: Come vengono transportate le biciclette elettriche?

Dott. AMAG: Quali misure di precauzione è bene adottare per il transporto di animali domestici in auto?

Dott. AMAG: In che modo un veicolo misura la temperatura esterna?

Dott. AMAG: Come faccio a controllare la pressione degli pneumatici?

Dott. AMAG: Come faccio a rabbocare lolio motore?

Dott. AMAG: Quali norme della circolazione stradale vengono introdotte nel 2019?

Dott. AMAG: Le auto elettriche non possono essere utilizzate in inverno?

Dott. AMAG: Quando devo accendere i fari fendinebbia?

Il dott. AMAG

Sul blog di AMAG, il «dott. AMAG» risponde alle domande riguardanti l’automobile. Domande quali, ad esempio, come trattare i rivestimenti dei sedili, il trasporto di animali domestici e anche come comportarsi in caso di panne.

Hai una domanda per il dott. AMAG? Inviala a: social.media@amag.ch

Non ci sono ancora commenti.