La buona notizia è che già oltre 5,9 milioni* di persone possiedono una licenza di condurre svizzera per automobili. Quindi passare l’esame di guida è assolutamente possibile. Anche se forse non per tutti è semplice allo stesso modo. Possiamo tranquillizzare chi ne ha un po’ di timore, infatti

  • non tutti hanno passato l’esame teorico la prima volta. Precisamente, passa al primo colpo ca. il 78 percento degli esaminandi;
  • non tutti ce l’hanno fatta a superare l’esame di guida pratico al primo tentativo. Mediamente, in Svizzera circa il 35 percento degli allievi conducenti viene bocciato al primo esame;
  • non a tutti bastano dieci ore di guida per passare l’esame. In media un allievo conducente ha bisogno di circa 40 ore di guida per arrivare a prendere la licenza di condurre.

Affinché il percorso verso la licenza di condurre sia il più possibile senza intoppi, con il supporto di Willi Wismer, presidente dello Zürcher Fahrlehrer Verbandi, abbiamo elaborato l’ABC per ottenere la licenza di condurre:

L’esame teorico: la diligenza è tutto

Non si può dire molto di più: chi vuole superare l’esame teorico deve studiare e, in caso di eventuali difficoltà, chiedere aiuto al maestro conducente. Nessuno conosce tutta la segnaletica e le norme della circolazione stradale semplicemente così. Bisogna osservare, impararne il significato e ricordare.

Dati tecnici

  • L’esame teorico si compone di 50 domande a scelta multipla (punteggio massimo = 150).
  • Si hanno 45 minuti di tempo per svolgere l’esame e si possono avere massimo 15 errori.

Consigli e suggerimenti

  • Procuratevi il materiale didattico ufficiale oppure scaricate un’app sul vostro cellulare per imparare tutte le norme.
  • Mettetevi alla prova svolgendo diligentemente dei test online. In questo modo scoprirete a che punto siete con le vostre conoscenze e, allo stesso tempo, simulerete la situazione d’esame.
  • In caso di difficoltà contattate per tempo un maestro conducente, che può fornirvi supporto già nella teoria, cosa che vi aiuterà molto anche nelle lezioni di guida. Infatti la teoria è la base della vostra futura «carriera automobilistica»… oppure avete già giocato a un gioco senza conoscerne le regole?

Il maestro conducente: un rapporto di studio in uno spazio molto ristretto

La scelta del maestro conducente giusto è decisiva per il vostro successo. Più vi troverete bene con il vostro insegnante, più semplice per voi sarà fare esercizio. Con questa persona trascorrerete un periodo di studio intenso e ricco di sfide. Quindi è essenziale che vi rechiate volentieri alle lezioni di guida e che abbiate un buon rapporto con il vostro insegnante.

Dati tecnici

  • Soltanto nel Cantone di Zurigo vi sono oltre 650 maestri conducenti (fonte: Ufficio della circolazione di Zurigo), quindi avete l’imbarazzo della scelta.

Consigli e suggerimenti

  • Chiedete alla vostra cerchia di conoscenti di fornirvi dei nominativi affidabili.
  • La maggior parte dei Cantoni svizzeri ha un’associazione dei maestri conducenti. Sui rispettivi siti web troverete tutti i maestri conducenti che ne fanno parte (incl. sito web / dati di contatto).
  • Esistono anche portali online dove si possono confrontare i maestri conducenti. Vi preghiamo di tenere conto che non vi sono rappresentati tutti gli insegnanti e che raramente l’offerta più conveniente è la migliore.
  • Se durante le vostre prime lezioni di guida notate di non essere sulla stessa lunghezza d’onda con il vostro maestro conducente, parlatene apertamente e cambiate: meglio prima che dopo.

Le lezioni di guida: esercizio, esercizio, esercizio

Alcuni imparano più velocemente, altri hanno bisogno di un po’ più di tempo. Impadronirsi di tutte le abilità e di tutti gli automatismi e improvvisamente guidare un’auto da soli richiede tempo ed esercizio. Ma è anche importante avere il necessario rispetto nei confronti della guida. Ciò che può aiutarvi in questo processo è fare esercizio nel vostro contesto privato. Serve enormemente ad approfondire quanto imparato. Tuttavia, non di rado ciò porta anche ad avere discussioni sulle norme della circolazione stradale con chi vi accompagna. In ogni caso, riservate le discussioni a tavola dopo la guida accompagnata o nell’auto ferma, spiegando ciò che avete imparato dal vostro maestro conducente e perché le cose stanno Così.

Dati tecnici

  • In media gli allievi conducenti in Svizzera necessitano di ca. 40 ore di guida per passare l’esame.
  • L’Ufficio prevenzione infortuni (upi) e i maestri conducenti consigliano di percorrere almeno 3000 km privatamente per interiorizzare tutte le nuove conoscenze e trasformare le competenze acquisite in automatismi.

Consigli e suggerimenti

  • Non lasciatevi mettere sotto pressione da nessuno, ognuno ha i suoi tempi. Non importa di quante ore di guida abbiate bisogno. La cosa principale è che vi iscriviate all’esame solo quando ve la sentirete e vi sentirete sicuri di poter guidare l’auto da soli.
  • Esercitatevi alla guida con i vostri genitori o con degli amici. Così facendo potrete risparmiare alcune lezioni di guida e acquisirete più sicurezza. In questo caso, tenete conto delle norme di guida accompagnata e la guida dell’upi. Guarda i video informativi e divertenti dell’upi (“tutto è bene quel che inizia bene sul parcheggio” e “esercitarsi, esercitarsi, esercitarsi“).
  • Durante l’ultima lezione di guida prima dell’esame, simulate con il vostro maestro conducente una guida di esame.

L’esame di guida pratico: restate calmi e con i nervi saldi

Non c’è alcun motivo di essere nervosi! Se terrete conto dei nostri consigli, sarete superpreparati e nel frattempo avrete fatto tanta esperienza pratica. Non lasciatevi intimidire troppo dalla paura dell’esame, ma pensate positivo, perché noi ne siamo convinti: ce la farete!

Dati tecnici

Consigli e suggerimenti

  • Non dite a tutti i vostri amici quando avrete l’esame, perché così si viene a creare inutilmente pressione.
  • Non fate l’esame in un momento in cui dovete affrontare altre grandi sfide (ad esempio l’esame finale di tirocinio).
  • Presentatevi all’esame ben riposati e senza premura.
  • Non pensate ai possibili errori che potrebbero accadere. Pensate a quando terrete in mano la vostra licenza di condurre provvisoria dopo l’esame e a quando lo direte ai vostri amici.
  • Fate una lezione con il vostro maestro conducente prima dell’esame per discutere ancora una volta dei punti più importanti.
  • Non reprimete la paura: ignorarla non serve a niente. All’esame potete tranquillamente mostrare di essere un po’ nervosi. Nel caso in cui il nervosismo fosse eccessivo, provate a utilizzare dei medicamenti omeopatici: qualora non facciano effetto, non vi faranno nemmeno male.
  • Ascoltate bene le richieste del perito d’esame e mettetele in pratica.
  • Non abbiate paura delle critiche: infatti ricevere un feedback del perito durante l’esame non significa che fallirete. È piuttosto un aiuto in merito a quello che preferirebbe vedere.
  • Non mollate! Se durante l’esame commettete un errore, continuate a dare il vostro meglio: nessuno viene bocciato per un piccolo errore.

La cosa peggiore che possa accadere è dovervi ripresentare un’altra volta all’esame. Come sappiamo, capita spesso, quindi non fasciatevi la testa prima di esservela rotta e non vergognatevi. Soltanto al terzo tentativo le cose si fanno un po’ più complicate: qualora non doveste passare al terzo tentativo, dovrete sottoporvi a un esame di idoneità alla guida per essere ammessi all’esame per la quarta volta. Ma, come detto, con i consigli e i suggerimenti sopra riportati sarete preparati al meglio per superare l’esame di guida.

Qui scoprirete tutto quello che dovete fare per ottenere la licenza di condurre (sottoporvi a un esame della vista, frequentare un corso per soccorritore ecc.).

Altri link e articoli sul tema:

 

 

Non ci sono ancora commenti.