Oggi viviamo in una cosiddetta subscription economy, ossia un’economia di abbonamento. Cosa significa questo? Quando facciamo acquisti grandi e piccoli (dai DVD ai veicoli), siamo sempre meno propensi a vincolarci. Facciamo meno acquisti e sottoscriviamo un maggior numero di abbonamenti: vorrò davvero rivedere questo film nel giro di un anno, oppure mi limiterò a guardarlo una volta per poi riporlo sullo scaffale? Vale la pena fare l’acquisto? Non sarebbe meglio optare per un abbonamento che mi dia accesso a un intero catalogo di film sempre aggiornato? Alla luce di questo, ecco la definizione di subscription economy:

«Si basa sull’idea secondo cui i clienti preferiscono pagare per il risultato che desiderano e che soddisfi le loro esigenze in un dato momento, piuttosto che investire in un prodotto con tutti gli oneri derivanti dal possesso».
(Tien Tzuo, fondatore di Zuora, un’azienda specializzata in software e servizi di consulenza incentrati sui modelli di abbonamento)

Focus sulle esigenze

Con l’abbonamento il cliente punta ad assicurarsi un valore aggiunto continuo (in inglese ongoing value) in modo, ad esempio, da avere sempre accesso ai film o alle canzoni più recenti senza vincoli mensili. Pertanto, il cliente desidera poter soddisfare le proprie esigenze con un approccio on demand, ossia dove e quando vuole (anywhere, real time). Inoltre punta a ricevere offerte personalizzate (personalized service) e a vivere un’esperienza positiva a tutto tondo (memorable experiences).

Fattori di successo della subscription economy

Cinque icone che rappresentano i fattori di successo di una subscription economy.

Fonte immagini: https://de.zuora.com/vision/subscription-economy/

Ingresso nel settore automobilistico

Questa cambiamento del comportamento dell’utente interessa anche i settori tradizionali, come quello automobilistico. Molti non percepiscono più il veicolo come un bene da possedere, bensì soprattutto come un servizio da avere a disposizione quando serve (parola chiave «Car as a Service», ossia il veicolo come servizio). A tale proposito, i punti fondamentali sono i seguenti:

Flessibilità: il cliente desidera poter adeguare in qualsiasi momento il veicolo ai mutamenti delle condizioni di vita, senza trasformarlo in un vincolo che si protrae per anni.

Varietà: la facilità di accesso a marchi e modelli diversi è la carta vincente.

Calcolabilità: il cliente vuole evitare sorprese in termini di costi in fase di riparazione e manutenzione.

Risparmio di tempo: l’accesso agevole alla mobilità senza doversi preoccupare di onerose incombenze amministrative (mantenimento del veicolo, controllo del motore ecc.) è un’esigenza.

Sicurezza: evitare il rischio di deprezzamento, danni ecc.

Comodità: il cliente si aspetta un’esperienza a 360° su tutti i dispositivi. Questo significa che desidera usufruire degli stessi contenuti (prenotazione, stato account, pagamenti) su tutti i suoi dispositivi (tablet, laptop o smartphone) ovunque e in qualunque momento.

Modelli di abbonamento veicoli

Un modello di abbonamento per veicolo? Come deve essere fatto? Noleggio (da qualche giorno a qualche settimana), leasing (minimo un anno) e acquisto (svariati anni) hanno in comune un periodo di tempo, che va da un paio di mesi fino a un anno, per il quale la Svizzera propone ancora poche offerte dedicate alla mobilità in auto. Un breve periodo di tempo, pochi vincoli e il veicolo desiderato disponibile in qualunque momento: è un’offerta davvero allettante.

AMAG ha riconosciuto il mutamento nelle esigenze dei clienti. Oltre alla moltitudine di servizi come sharoo per il car sharing, alla licenza di Europcar per i veicoli a noleggio in Svizzera e al tradizionale leasing con LeasingPLUS così come alla vendita di veicoli nuovi e usati d’occasione, l’abbonamento in ambito automobilistico è un settore entusiasmante che merita attenzione. Pertanto da qualche mese Innovation & Venture LAB si dedica proprio a questo tema.

Aggiornamento 4 luglio 2019: AMAG lancia il progetto pilota Clyde, l’abbonamento auto all inclusive per qualsiasi esigenza. Con Clyde il cliente può restare flessibile, ottenendo comunque il massimo divertimento al volante. Con una durata minima di tre mesi, con un abbonamento a un prezzo fisso (S, M o L, a seconda del numero di chilometri desiderati per mese) è tutto incluso, dall’assicurazione agli pneumatici fino all’immatricolazione e al servizio. Per maggiori informazioni consultare clyde-now.ch.

Altri articoli del blog :

Intelligenza artificiale: il futuro impara da solo
Ricarica delle auto elettriche: come funziona?
Una Smart City è paragonabile a un alveare
Sistemi di assistenza alla guida: quanto siamo sicuri durante un viaggio?
Protezione e sicurezza dei dati nelle auto moderne
Servizi supplementari tramite l’app: «Connected car» – grazie ad autoSense

Ulteriori articoli sul tema della tecnologia e dell’innovazione

Non ci sono ancora commenti.